Il Commercio Equo e Solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l’ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l’educazione, l’informazione e l’azione politica.
Il Commercio Equo e Solidale è una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: dai produttori ai consumatori.

I Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.)*

Un gruppo d’acquisto e' formato da un insieme di persone che decidono di incontrarsi per acquistare all’ingrosso prodotti alimentari o di uso comune, da ridistribuire tra loro.

Solidale
Un gruppo d’acquisto diventa solidale nel momento in cui decide di utilizzare il concetto di solidarieta' come criterio guida nella scelta dei prodotti. Solidarieta' che parte dai membri del gruppo e si estende ai piccoli produttori che forniscono i prodotti, al rispetto dell’ambiente, ai popoli del sud del mondo e a colore che - a causa della ingiusta ripartizione delle ricchezze - subiscono le conseguenze inique di questo modello di sviluppo.

ETICOWEB nasce dalla volontà di creare un Hosting Provider Etico, sensibile alle esigenze dei navigatori che desiderino un proprio spazio Internet e ugualmente sensibile alle realtà No-Profit / ONLUS. Non solo: Eticoweb ha deciso di sostenere il mondo no profit, l'economia solidale, la tutela dell'ambiente, il software libero.
Chiunque si rivolga a Eticoweb sa di poter contare su una struttura che, nell'ottica del servizio e dell'assistenza continuativa alla persona e/o all'azienda, può risolvere al meglio ogni esigenza in Internet, dalla semplice Registrazione Dominio alla collocazione di un Server.

Un telefono diverso è possibile. Nello spietato mercato della telefonia fissa, cresce Livecom.

LIVECOM è il primo operatore telefonico non profit presente sul territorio nazionale.
Nasce all'interno di CA2000 S.c.a r.l. ONLUS, (cooperativa sociale di tipo B, che è luogo di formazione e di inserimento lavorativo).

Scandali finanziari, speculazioni borsistiche, traffici illeciti: le cronache degli ultimi mesi hanno acceso i riflettori sul lato oscuro dell’attuale sistema economico-finanziario. Il fallimento Enron o le gravi irregolarità scoperte in altre grandi compagnie americane hanno non solo recato danno agli azionisti, ma innescato un clima di sfiducia che rischia di avere serie ripercussioni sulla crescita economica. Molti reclamano ora a gran voce “l’etica” o “nuovi valori” nel mondo degli affari e delle imprese, e le più recenti statistiche confermano che cresce la sensibilità della gente verso comportamenti economici più attenti ai risvolti sociali e ambientali. Ma al di là delle mode passeggere e degli slogan del momento, il mondo della finanza etica autentica cresce sempre di più, anche in Italia, sta diventando una realtà con cui molti cominciano a fare i conti.

Il turismo oggi

Quasi sei miliardi di spostamenti all'anno (500 milioni i soli voli internazionali), 127 milioni di occupati nel mondo, fatturato pari al 6% del PIL del pianeta: questi i numeri del turismo alle porte del 2000. Un fenomeno complesso, le cui conseguenze in termini di impatto ambientale, culturale, sociale ed economico non possono più essere ignorate. Impatto che spesso è devastante, soprattutto nei paesi del sud del mondo, dove la perdita di valori e tradizioni, la sottrazione di risorse, il disagio sociale dovuti all'invasione del turismo di massa non viene nemmeno compensata da un'equa redistribuzione del reddito generato. Anche le possibilità di incontro e di scambio tra turisti e popolazioni locali sono, nella maggior parte dei casi, fittizie o limitate ad esperienze frettolose ed artefatte, quando non irrispettose delle realtà ospitanti. Il turismo con le sue implicazioni merita un'attenta riflessione da parte di tutti, cittadini ed istituzioni, industria ed utenti.